venerdì 28 gennaio 2011

Football Americano: Superbowl party con ESPN ed Endzone.it

Pubblicato da Luca Chirico alle ore: 17:35, quest' articolo ha: 0 commenti.

A MONZA E ROMA I PARTY PIU’ ESCLUSIVI IN COLLABORAZIONE CON ENDZONE.IT




Da quest’anno c’è un nuovo modo di vivere la notte più lunga dello sport a stelle e strisce: la notte del Super Bowl XLV. A Monza e Roma, in due noti American Bar, si terranno infatti, a partire dalle ore 22.00, le feste più esclusive in occasione della finalissima del campionato NFL, in programma al «Cowboys Stadium» di Arlington, in Texas, nella notte tra domenica 6 e lunedì 7 febbraio (kick-off a mezzanotte e 28 minuti).


Due locali completamente brandizzati ESPN, dove si potrà assistere alla partita su maxi schermo, rigorosamente su ESPN America, canale 214 della piattaforma Sky.

Nell’intervallo lungo in palio gadget e premi molto ambiti tra gli appassionati di football, come i palloni ufficiali Wilson.

Ma non solo…

A Monza, appuntamento al Kookaburra, via Buonarroti 115. Prima consumazione gratuita per tutti in uno dei locali da sempre punto di incontro per gli appassionati di sport americani: lo stesso proprietario, Paolo Forlì, ha giocato per anni nella squadra di football dei Rhinos Milano.

A Roma, tutti al Crazy Bull Cafè, via Riano 1/3 (Ponte Milvio) in quella che è la location più americana della Capitale, per una serata tutta made in USA, con american food, e soprattutto con un team di cheerleader, per respirare appieno l’atmosfera del Super Bowl.


Fonte Endzone.it


Etichette: , , , ,

Pubblicizza: Invia questo articolo tramite e-mail ad uno o più tuoi amici

Football Americano: I Rhinos Milano annunciano il nuovo QB

Pubblicato da Luca Chirico alle ore: 09:19, quest' articolo ha: 0 commenti.

Jonathan Dally è il nuovo quarterback dei Kobra Rhinos Milano



Sarà Jonathan Dally a guidare l’attacco dei Kobra Rhinos Milano per la stagione 2011. il nuovo quarterback della formazione milanese è un giocatore eclettico, dotato di grande mobilità e con molteplici interessi: surf, cinema, videogiochi; considerato uno dei migliori QB della “Great West” conference, nonostante abbia giocato per sole due stagioni. In vista del suo arrivo previsto per i primi giorni di Febbraio ha rilasciato un'intervista di presentazione ai suoi tifosi:

Quando hai iniziato a giocare a football?
Ho iniziato a giocare seriamente quando avevo 7 anni. Mio padre mi ha iscritto in una squadra giovanile, mentre mio fratello era al suo secondo anno. Ho giocato ininterrottamente da allora per 16 anni, senza mai perdere una stagione

Qual è il tuo ricordo più bello di quando giocavi al College?
Sicuramente a Cal Poly il training camp del 2008. Stavo per iniziare il mio ultimo anno con la certezza che avrei guidato l’attacco che sarebbe diventato il migliore della nazione. Ero certo che i Mustangs avrebbero fatto molto bene quell’anno e tutto il tempo che ho trascorso con i miei compagni nelle settimane precedenti all’inizio della stagione rimarranno per sempre ben impresse nei miei ricordi

Come mai hai giocato a Cal Poly?
Al liceo ho giocato a football a Santa Maria, CA (50 km da Cal Poly). La nostra squadra non era granché, ma personalmente ero un buon giocatore. Decisi di migliorare le mie abilità nel locale Junior College (Alan Hancock College) giocando con coach Dutra, uno specialista per i quarterback. Dopo due stagioni vincenti, ho ricevuto una telefonata dall’allenatore della linea d’attacco di Cal Poly (Gene McKeehan). Ho valutato tutte le opportunità tra alcune scuole della costa est e l’università locale, e ho concluso che la mia carriera sportiva e accademica dovevano proseguire a Cal Poly. Ho firmato per una “scholarship” e ho giocato per i Mustangs.

E’ la tua prima esperienza fuori dagli Stati Uniti, che aspettative hai?
Non sono mai stato fuori dagli Stati Uniti prima d’ora, quindi non so davvero cosa aspettarmi. Spero di imparare la cultura italiana ed il loro stile di vita. I miei obiettivi sono semplici: viaggiare, incontrare il maggior numero di persone possibili, imparare l’italiano e condurre i Rhinos Milano ad un titolo, o anche due

Sarà una stagione lunga: minimo 12 partite (16 se la squadra arriva in fondo su entrambi i fronti: campionato e Coppa Europea). Pensi sarà dura?
Ad un certo punto ogni stagione diventa difficile. Indubbiamente sarà la stagione più lunga che abbia mai giocato, se poi aggiungiamo il fatto di essere lontano da casa ed inserito in un sistema di gioco nuovo…sì, probabilmente sarà una delle stagioni più dure. Tuttavia mi piacciono le sfide, anche perché vincere è più bello quando devi superare tante difficoltà.

Hai visionato I filmati dei Rhinos della scorsa stagione. Cosa pensi del livello di gioco in Italia?
Ho visto molto talento tra gli italiani. Ho visto anche molte potenzialità nella nostra squadra, potenzialità da migliorare rispetto alla passata stagione per vincere tutto quest’anno. Ho notato un grande impegno da parte di tutti i giocatori e sono davvero gasato all’idea di giocare con loro

Cosa pensi di coach Harris? Pensi di poter padroneggiare il suo sistema offensivo?
Coach Harris sa come portare i suoi giocatori al loro potenziale massimo, sa cosa vuole e soprattutto sa come tirare fuori il meglio da ogni atleta. Sono davvero convinto che coach Harris avrà successo con il suo sistema di gioco, è abbastanza complicato da far impazzire le difese avversarie. Coach Harris basa il suo playbook su dei concetti che non sono difficili da imparare, può insegnare il suo sistema ad ogni tipo di atleta che è disposto ad impararlo.

Ufficio Stampa
Rhinos Milano


Etichette: , , ,

Pubblicizza: Invia questo articolo tramite e-mail ad uno o più tuoi amici

Football Americano: Andrea Parri impressioni azzurre

Pubblicato da Luca Chirico alle ore: 09:12, quest' articolo ha: 0 commenti.

"A Pesaro un'esperienza indimenticabile"



Sono stati due giorni di raduno molto intensi quelli che la Nazionale Italiana di football americano ha tenuto lo scorso weekend a Pesaro.

E per il tigullino Andrea Parri è stato un esordio nel clan azzurro assolutamente da segnare: "E' stato tutto bellissimo, un'esperienza indimenticabile". Il lineman tigullino è uno dei nuovi che sono stati aggregati al clan azzurro: "Il gruppo della Nazionale è quello che ha partecipato lo scorso anno al Four Helmets di Bologna con qualche nuovo innesto."

A Pesaro si è svolto un lavoro intenso sia sul campo che in sala proiezione:"abbiamo fatto tre sedute di allenamento in due giorni scarsi e quattro volte siamo stati in aula per visionare i filmati sulla nazionale tedesca. Tutto molto interessante..." Andrea Parri, come tutti gli uomini di linea d'attacco, era seguito dal coach Andrea Vecchi, attualmente tecnico dei Daemons Martesana.

A breve Brock Olivo, il coach del Blue Team, renderà noti i nomi dei convocati per la sfida contro la Germania e anche se Andrea non sarà tra i prescelti, la sua convocazione al camp azzurro rimane un segnale molto positivo per il team tigullino, un segnale che il lavoro del coaching staff dei Predatori sta procedendo nella direzione giusta.


Ufficio Stampa
Predatori Golfo del Tigullio


Etichette: , , ,

Pubblicizza: Invia questo articolo tramite e-mail ad uno o più tuoi amici