sabato 24 settembre 2011

Football Americano: Come nascono i gironi delle giovanili?

Pubblicato da Luca Chirico alle ore: 19:57, quest' articolo ha: 0 commenti.

Tante possibilità tra cui scegliere, Fabio Tortosa ci spiega le scelte prese.



Come ogni volta che si formano i gironi e si stilano i calendari c'è qualcuno che rimane scontento, chi si lamenta per le scelte prese e chi critica a prescindere da quello che conosce in merito alle scelte prese.

Incuriosito dalle scelte prese ho deciso di sentire Fabio Tortosa per saper qualcosa in merito e capirci qualcosa di più.

Ma non solo già che ci sono ne approfitto per tastare il polso alla situazione.

Allora Fabio sono usciti i calendari, mancano 6 squadre U21 all'appello ma ce ne sono ben 8 U18 in più, cosa ne pensi?
L'anno scorso in U21 le squadre erano 26 e quest'anno saranno 21 (di cui una svizzera), mentre è giusto l'incremento di 8 in U18.
Credo che in termini numerici sia un buon risultato, significa che la cura dell'attività giovanile sta permeando nel modus operandi dei dirigenti italiani. L'incessante lavoro di propaganda che sia il Consiglio Federale che i suoi organi periferici stanno portando avanti da inizio mandato sta dando i suoi frutti e ne siamo contenti, anche se a dirvi la verità devo dire che mi aspettavo un incremento parallelo a quello al quale assistiamo nelle categorie senior, dove sempre più squadre producono domanda di affiliazione, infatti lasciando i nomi come sorpresa finale vi confermo che il prossimo anno avremo 6/7 nuove franchigie quasi tutte in province fin quì inesplorate.


Etichette: , , ,

Pubblicizza: Invia questo articolo tramite e-mail ad uno o più tuoi amici

Football Americano: L'esperienza dei giovani giocatori italiani negli Stati Uniti

Pubblicato da Luca Chirico alle ore: 11:42, quest' articolo ha: 3 commenti.

Italiani “made in USA”



Da qualche tempo, e comunque da meno di un anno, il Settore Giovanile della Commissione Tecnica ha preso una serie di contatti con Coach ed Istituzioni degli Stati Uniti per consentire a giocatori ed allenatori italiani di fare pratica con i loro coetanei d'oltreoceano e di approfondire le loro conoscenze. Sulla scorta di quanto già definito dai programmi LPE (Long Period Experience) e SPE (Short Period Experience) si stanno sviluppando altri progetti che dovrebbero aumentare il ventaglio delle collaborazioni con gli Stati Uniti. Nell'attesa dei prossimi sviluppi vogliamo condividere alcune delle esperienze di questa stagione.

Uno dei primi risultati è stata la partecipazione di un intero “pulmann” di giocatori italiani al Camp organizzato nella base Nato di Ansbach in Germania ad inizio agosto, risoltosi con enorme soddisfazione sia tra gli atleti, sia tra gli allenatori accompagnatori. Altro tassello importante è l'esperienza del running back felsieneo dei Warriors Bologna Gabriele Cirasola, già nel giro della Nazionale Junior, che ha partecipato all'IMG Madden Football Camp presso la IMG Academy di Bradenton, Florida, della durata di tre settimane.


Etichette: ,

Pubblicizza: Invia questo articolo tramite e-mail ad uno o più tuoi amici